Cristiano: “ecco la mia storia da italiano in giro”.

Cristiano PrudenteMi chiamo Cristiano Prudente, nome e cognome che poco mi rappresentano e sono di Bitonto: anche qui il nome della citta’ non rispecchia il valore dei suoi cittadini.

Ho da sempre la passione per i viaggi che intraprendo all’eta’ di 16 anni con l’inseparabile  Marco, a Roma. Marco mi convince persino  a seguirlo in Interrail: vuole sempre camminare e girare posti con grande disappunto mio e di Nino, grandi amanti “dell’ aspetta, riposiamoci, accendiamoci una sigaretta, mangiamo qualcosa…”..
Questa esperienza ci accompagna in Francia, Belgio, Olanda e Lussemburgo e’ il mio primo viaggio all’estero in cui mi distinguo subito: perdo infatti la mia carta d’identita’…perche’ mi distinguo? Perche’ da quel momento la perdo in continuazione!!! Come ad Ibiza, ad esempio… la burocrazia mi spinge al commissariato per sbrigare le carte e farmi rilasciare un documento sostitutivo: e’ proprio li che conosco un personaggio che ha speso 50 mila euro in un mese..

Per quanto riguarda me, beh.. potevo fare l’Uni a Bari..

..E invece no!

Qualche anno fa decido di studiare ad Urbino, perche’ per me e’ sinonimo di liberta’ ed in effetti lo era.. Vivo anche a Varsavia, grazie a una borsa di studio della regione Puglia dove mi specializzo in Tourism Management…

La Polonia? Affascinante: Varsavia e’ una citta’ futuristica, con palazzi imponenti, forse proprio per dimostrare all’Europa la sua rinascita dopo la Seconda Guerra Mondiale. E’ una nazione in netta crescita economica, dove non manca proprio nulla e dove esiste persino una discreta  comunita’ di italiani!

A differenza dell’Italia, il costo della vita e’ basso, e trovare un lavoro in una multinazionale sarebbe il top: stipendio sui 900 euro, uguale vita da re!

Se decidete di andarci, anche in vacanza, non dimenticatevi di mangiare i pieroghi e imparare qualche parola in polacco… La gente del posto apprezza molto il vostro interesse verso la loro cultura e la loro storia.

Secondo me, anche il paesaggio e’ niente male: potrete godere del fiume Vistula e bere ottima vodka come la Zubrowka o la Belvedere, davvero ottime! Se non vi piace la vodka, allora, buttatevi sulla birra, anche queste buone ed economiche. Se decidete di espatriare in Polonia, preparatevi al grande freddo e non dimenticate sciarpa, cappello e guanti: sono fondamentali per la sopravvivenza!!!

Dopo questa mia esperienza  in Polonia, adesso mi trovo a Cork, dove lavoro… perche’ Cork?! Era nel destino!!! Una cittadina irlandese ma molto simile ad Urbino per stile e qualita’ di vita. Qui la gente e’ molto amichevole ed e’ la citta’ offre tanto …e poi non uso i mezzi di trasporto, che tanto odio !!!!…beh manca il sole, ma poco importa, il sole lo porto io!!!

Tra una pinta e avventure degne del mio cognome (!?) ho creato un blog dedicato agli “italianiingiro”: una vera e propria community per cercare di dare una mano a chi ha voglia di intraprendere un’avventura all’estero o trasferirsi!!!

Un saluto che sta “in giro”,

Cristiano

Segui le orme di Ornitorinko anche su facebook!

5 commenti su “Cristiano: “ecco la mia storia da italiano in giro”.”

  1. Ciao, 900 Euro a Varsavia vita da Re? non mi ci identifico affatto, vivo a Wroclaw da 4 anni con lo stesso stipendio ( ti posso dire vita regolare – non tutti i weekend si esce e non si mette un euro da parte ed in piu Wroclaw e` molto piu economica di Varsavia), Anche io sto muovendo verso l Irlanda, dopo 4 anni , motivo : soldi solo soldi. La Polonia sotto quel punto di vista e` affascinante ma come l Italia ha anche i suoi aspetti negativi, anzi piu` negativi che in Italia ( alcolismo e una parola ed una piaga altissima e diffusa) la corruzione : al top, ( il comunismo ha lasciato una traccia troppo forte qui) La gente ottima ma ci sono le eccezioni- ho assistito e denunciato epoisodi di intolleranza raziale anche e sopratutto verso Italiani e stranieri ( quindi non raccontiamo il Paese dei Balocchi)
    Comunque di positivo apprezzo lo spirito a spostarsi e a far vedere che gli Italiani fuori dall Italia non ha niente di meno di nessuno..istruzione compresa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.